ALL’AMICA

Quando la notte spengerà le rose
udrai più forte scorrere la gioia
di quel che ora all’orecchio non induca
a credere dai gialli orti la voce
che verso il giorno libera il mio nome.
Mi sei vicina, tenere come astri
al tuo collo s’attardano le buccole,
ed è leggiadro il caldo dell’amore
nella pupilla che la luce incrina.

Alessandro Parronchi – Da I giorni sensibili

 

ALL’AMICAultima modifica: 2008-03-30T10:05:00+02:00da mas801
Reposta per primo quest’articolo